Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
Menu principale
Orologio e Calendario
RSS

Cronache e commenti sulla politica in Sardegna.
(1) 2 3 »
Politica Regionale : l’accordo di programma per l’istituzione del Parco del Monte Arci
Inviato da Francesco Urru il 21/5/2010 18:07:56 (1063 letture)

Dal sito della Regione Sardegna leggo e vi riporto quanto segue:
E’ stato siglato un accordo di programma tra L’Assessore regionale della difesa dell’ambiente Dott. Giuliano Uras e le comunità locali dell’area di alto valore naturalistico e ambientale del Monte Arci, l’Ente Foreste e la Provincia di Oristano.

L’Accordo è volto all’istituzione di un parco naturale regionale ai sensi della L. R. 31/89 che regola l’istituzione e la gestione delle aree protette.

I Comuni coinvolti di Ales, Marrubiu, Masullas, Morgongiori, Palmas Arborea, Pau, Santa Giusta, Siris, Usellus, Villaurbana e Villaverde, che si sono costituiti in consorzio per la gestione del parco, dovranno predisporre un progetto finalizzato alla tutela e alla valorizzazione delle peculiari risorse naturali e ambientali, all’armonico sviluppo del territorio e all’individuazione di adeguate forme di gestione dell’area.

Per l’attuazione del progetto la Regione mette a disposizione le risorse finanziarie stabilite secondo i criteri della Delibera della Giunta regionale n. 55/14 del 16.12.2009. Gli Enti sottoscrittori dell’accordo, che ha validità 2 anni, si impegnano ad avviare le attività propedeutiche per l’istituzione dell’area protetta ed ad impiegare prioritariamente i lavoratori disoccupati residenti nei Comuni sottoscrittori dell’accordo.
Che sia la volta buona che il parco del Monte Arci inizia ad esistere realmente e porta un pò di turismo ecosostenibile dalle nostre parti?

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Commenti?
Politica Regionale : Ecco la nuova Giunta Regionale
Inviato da Francesco Urru il 8/3/2009 23:50:00 (1103 letture)

Dal sito web della Regione Sardegna leggo e vi riporto quanto segue:
Il Presidente Cappellacci ha nominato la nuova Giunta regionale
Nella tarda serata di oggi sono stati ufficializzati i nomi che compongono l'esecutivo. Undici Assessori, tra cui quattro donne, quasi tutti tecnici. Giorgio La Spisa, eletto in Consiglio regionale, guiderà l'Assessorato della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Territorio e, ad interim, quello dell'Industria, dove ha avuto modo di svolgere lo stesso incarico dal 2001 al 2004.

CAGLIARI, 8 MARZO 2009 - Nella tarda serata di oggi il Presidente della Regione, Ugo Cappellacci, ha reso nota la composizione della nuova Giunta regionale. Sono nominati Assessori:
- Maria Paola Corona, imprenditrice, in qualità di Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione;
- Giorgio La Spisa, funzionario pubblico, consigliere regionale, in qualità di Assessore alla Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Territorio e, ad interim, di Assessore dell’Industria;
- Gabriele Asunis, attuale Direttore Generale degli Enti Locali e Finanze dell’Assessorato degli Enti Locali, Finanze ed Urbanistica, in qualità di Assessore degli Enti Locali, Finanze ed Urbanistica;
- Emilio Simeone, manager pubblico, in qualità di Assessore della Difesa dell'Ambiente;
- Andrea Prato, dirigente privato settore agro-industria, in qualità di Assessore dell’Agricoltura e Riforma Agro-Pastorale;
- Sebastiano Sannitu, amministratore pubblico locale ed attuale sindaco del Comune di Berchidda, in qualità di Assessore del Turismo, Artigianato e Commercio;
- Mario Angelo Giovanni Carta, libero professionista (consulente del lavoro) ed amministratore pubblico locale, in qualità di Assessore dei Lavori Pubblici;
- Maria Valeria Serra, dirigente pubblico, in qualità di Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale;
- Maria Lucia Baire, ingegnere, in qualità di Assessore della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport;
- Antonio Angelo Liori, medico, consigliere regionale, in qualità di Assessore dell’Igiene e Sanità e dell’Assistenza Sociale;
- Liliana Lorettu, docente universitario, in qualità di Assessore dei Trasporti.

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Commenti?
Politica Regionale : Presentata alla stampa la lista "Italia dei Valori" della circoscrizione provinciale di Oristano
Inviato da Francesco Urru il 25/1/2009 20:20:00 (1196 letture)

La Nuova Sardegna). ORISTANO, 25, gen. ’09. I temi sono quelli soliti: legalità e trasparenza. Con una connotazione tutta sarda: lavoro. Per l’Italia dei valori la campagna elettorale per le Regionali, arrivata con troppa velocità, deve servire soprattutto a scacciare un incubo: Siamo terrorizzati dall’ipotesi di un governo del centrodestra», ha detto il coordinatore regionale del partito, Federico Palomba, alla conferenza stampa di presentazione della lista Idv.

Voto: 10.00 (1 voto) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 2925 bytes | Commenti?
Politica Regionale : Referendum, quorum mancato: a Villaurbana affluenza superiore al 26%
Inviato da Francesco Urru il 5/10/2008 23:40:00 (1174 letture)

Dalla Nuova Sardegna online
"Fallita la spallata alla giunta Soru
L'appello di Silvio Berlusconi non è stato sufficiente.
Il centrodestra sardo manca la spallata al governatore Renato Soru e alla sua giunta. È lontanissimo dal quorum il referendum voluto dal Pdl per abrogare la legge salvacoste e le norme sulla gestione delle risorse idriche e sulla tariffa unica dell'acqua. Alle 19 è andato a votare circa il 14,2% dei sardi e fino alle 22 non si sono viste code ai seggi
In Sardegna ha vinto ancora una volta l'astensionismo ai Referendum. Ha invece perso il Pdl Sardo che ha mancato la spallata a Renato Soru. Nonostante sia sceso in campo lo stesso Silvio Berlusconi, i tre referendum per abrogare la cosiddetta Legge salvacoste e alcuni articoli della norma sulla gestione dell'acqua nell'isola (gestore unico e tariffa unica) sono lontanissimi dal raggiungere il quorum. A votare entro le 19 è andato circa il 14,2% dei sardi, cioè quasi 202 mila cittadini rispetto ai 1.471.797 che ne avevano diritto. Perché i referendum fossero validi dovevano votare poco più di 500 mila elettori e fino alle 22 non si sono viste code ai seggi referendari.

L'appello di Berlusconi non basta. Le consultazioni referendarie si sono vissute in un clima di forte contrapposizione fra gli schieramenti. In effetti erano il preludio di una intensa campagna elettorale per le Regionali 2009. Il Centrodestra al di là dei quesiti referendari ha caricato il voto di significati politici per cui si chiedeva nelle pubblicità e negli spot televisivi un "Si, per la Sardegna". Cioè contro una legge (la cosiddetta salvacoste), pilastro del Piano paesaggistico, che causa danni perché, second il centrodestra, "esclude Comuni e cittadini dalla pianificazione del territorio e impedisce un giusto sviluppo". In campo è sceso anche Silvio Berlusconi che ha invitato ad andare a votare.

Astensione confermata. La discesa in campo del presidente del Consiglio è stata l´ultima mossa di un centrodestra già consapevole del fatto che il quorum sarebbe stato difficile da raggiungere. Nelle consultazioni referendarie degli ultimi anni nell'isola non si è mai raggiunto il quorum. Circa un anno fa per il referendum sulla Legge Statutaria votò il 15% degli elettori, mentre nel 2005 per il no alle scorie-rifiuti in Sardegna si sfiorò il 27%. Ora il 14,2% delle ore 19 conferma quanto l'apatia sia una norma.

La Giunta Soru regge. Alla fine si è trattato di un test significativo per la Giunta guidata da Renato Soru che aveva voluto le norme contestate dal centrodestra. In questi giorni il Governatore non era entrato nella polemica e si era limitato a osservare l´inutilità dei referendum e a stigmatizzare lo spreco di risorse. "
Fin qui l'articolo della Nuova Sardegna, per quanto riguarda Villaurbana la percentuale dei votanti, alla chiusura dei seggi alle 22, era nelle due sezione la seguente :
Sezione 1: 31%
Sezione 2: 26%
La percentuale complessiva dei votanti è stata del
29,03% con 455 elettori che hanno esercitato il diritto di voto.
Il dettaglio dei tre quesiti Referendari è il seguente:
Primo Quesito "Ambito unico":
Votanti: 29,03% 455
SI: 95,30% (426)
NO: 4,69% (21)
Bianche: 6
Nulle: 2
Secondo quesito "Ambito unico":
Votanti: 29,03% 455
SI: 95,96% (428)voti
NO: 4,03% (18) voti
schede Bianche: 7
schede Nulle: 2
Terzo quesito "Abrogazione Legge Salvacoste":
Votanti: 29,03% (455)
SI: 91,49% (409)
NO: 8,50% (38)
Bianche: 4
Nulle: 4

Dati ben superiori alla media Regionale ma comunque al di sotto del quorum necessario a rendere valido l'esito dei quesiti referendari.

Voto: 10.00 (1 voto) - Vota questa news - Commenti?
Politica Regionale : bando “Biddas” oggi 29 Settembre alle 19 Assemblea Pubblica
Inviato da Francesco Urru il 27/9/2008 9:40:09 (1146 letture)

L’Assessorato Regionale degli Enti locali, finanze ed urbanistica ha pubblicato il bando “Biddas”, rivolto ai Comuni per la presentazione di proposte di valorizzazione dell’edificato storico della Sardegna. “Biddas”, per il quale sono stati stanziati 25milioni di euro, prevede l’erogazione di contributi per la realizzazione di interventi che siano in grado di incidere, sulla valorizzazione del patrimonio edilizio dell’edificato storico al fine di:
- adottare un sistema di incentivi per l’utilizzo del patrimonio storico in forme compatibili con il turismo sostenibile e diversificato (comprensive anche di attività terziarie di appoggio al turismo) operando mediante il sostegno a interventi di recupero connotati da alta qualità urbana e finalizzati al riutilizzo di abitazioni vuote;
- operare la riqualificazione ed il recupero del tessuto insediativo dei centri urbani, con particolare riferimento agli insediamenti storici, anche come occasione di sperimentazione di modelli di ricomposizione spaziale e figurativa dell’assetto urbanistico, per una corretta definizione paesaggistico - ambientale dell’insieme;
- limitare le attività edilizie e lo spreco del territorio a favore del recupero del patrimonio edilizio esistente;
- contrastare il fenomeno di abbandono dei centri storici e dei borghi rurali;
- favorire la consapevolezza delle popolazioni in tema di identità locale e di paesaggio sardo.

Possono presentare domanda di finanziamento le seguenti tipologie di reti di Comuni:
- Unioni di Comuni formalmente costituite da due o più Comuni;
- Reti costituite da una parte dei Comuni facenti parte della stessa unione di Comuni;
- Comuni comunque aggregati, appartenenti alla stessa provincia.
La domanda di finanziamento dovrà essere presentata dal Comune capofila della rete di Comuni, e, dovrà pervenire entro il 28 Ottobre.
www.regione.sardegna.it

Voto: 8.00 (2 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 2411 bytes | Commenti?
(1) 2 3 »
Siti segnalati (link)
Scelta per voi
Veduta da San Giovanni
Realizzazione a cura di Francesco Urru © 2001-2015 Villaurbana.net: Il Portale di Villaurbana

ShinyStat