Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
Menu principale
Orologio e Calendario
RSS

Fatti e avvenimenti del Paese su cui riflettere per agire meglio.
(1) 2 3 4 ... 10 »
Punto critico : Il contesto scolastico ed educativo contemporaneo dell’Arci Grighine: Riflessioni e analisi di Sebastiano Chighini
Inviato da Francesco Urru il 3/12/2010 18:55:42 (1497 letture)

Da Sebastiano Chighini ricevo e volentieri pubblico un documento in formato pdf che analizza la scuola nel territorio dell'Arci-Ghighine: Il contesto scolastico ed educativo contemporaneo dell’Arci Grighine.
Buona lettura! e buona riflessione a tutti!

P.S) oltre che nella versione pdf è il documento è fruibile direttamente in rete a questo indirizzo http://www.villaurbana.net/scuola/portale/?p=12

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Commenti?
Punto critico : Lettera dei Genitori al Dirigente Scolastico
Inviato da Francesco Urru il 17/7/2010 16:22:28 (2523 letture)

Dai genitori della Classe Quarta, della Scuola primaria dell’istituto comprensivo di Simaxis – Villaurbana, (sede di Villaurbana) ricevo e volentieri pubblico, al fine di fare conoscere a tutti questo serio problema, la lettera che è stata al momento inviata al dirigente scolastico e ai sindaci dei Comuni del comprensorio scolastico.
Sebastiano Chighini in qualità di genitore promotore della richiesta dell'incontro pubblico precisa che: "La richiesta è depositata da una settimana presso la segreteria della scuola e delle amministrazioni locali, per questo nel testo non è indicata alcuna data dell’incontro. Ogni ritardo in merito (sono passati sette giorni), è indicativo dell’interesse che questa questione ha presso le rispettive amministrazioni."

"Gentile Consiglio di Istituto,
Gentile dirigente,
Gentili Sindaci, Amministratori comunali,
Gentili Insegnanti, Personale non docente, Genitori,
cittadini,


I genitori della Classe Quarta, della Scuola primaria dell’istituto comprensivo di Simaxis – Villaurbana, (sede di Villaurbana) chiedono urgentemente un incontro pubblico di tutte le componenti scolastiche, al fine di diradare ombre e preoccupazioni che si addensano sull’andamento del prossimo anno.
In occasione dell’anno 2008 - 2009, allarmati per l’andamento delle attività scolastiche dell’Istituto Comprensivo di Villaurbana: abbiamo discusso i provvedimenti e le scelte come: la chiusura della segreteria amministrativa, spostamento della sede dirigenziale, accorpamento all’istituto comprensivo di Simaxis, riduzione docenti e del personale Ata, assenza di un programma di iscrizioni pluriennale, etc., per la coerenza con cui perseguono sempre più una dismissione a piccoli passi, della esistenza della scuola nel territorio dell’Arci Grighine.
In questo anno scolastico appena concluso, abbiamo avuto modo di apprezzare gli sforzi, degli insegnanti, al fine di mantenere unite le classi di pari-età degli allievi, accrescendo l’attenzione per i nuovi iscritti, personalizzando i loro percorsi di crescita, equilibrando l’apprendimento del gruppo classe etc. Oggi temiamo vengano essi stessi vanificati, se non viene assecondata una azione convincente e matura, presso tutti i soggetti che allestiscono l’offerta del servizio scolastico delle comunità di Villaurbana, Siamanna, Siapiccia.
In questi giorni nelle “voci” e nei “si dice” di tanti, vi è oltre alla possibilità concreta del consolidarsi della pratica delle pluriclassi (nelle altre comunità), la formazione di una di queste, anche presso la sede di Villaurbana.
Nell’accorpamento della classe Prima (5-6 anni, con un numero di sei allievi), con la classe Quinta (9-10 anni con un numero di dieci), è evidente a tutti come possa danneggiare la completa organizzazione dell’offerta formativa, della sede di Villaurbana.
Provocata non soltanto dalla eliminazione di una classe e dalla conseguente riduzione, o smistamento degli insegnanti, ma soprattutto dalle tante dinamiche pericolose per le famiglie e soprattutto per i bambini che ciò potrebbe attivare.
Minimamente garantiti, profondamente preoccupati da una assoluta assenza di informazione istituzionale, in merito, da parte delle Autorità scolastiche e Comunali. Increduli di fronte alla costante e ripetuta “eventualità o temporalità” con cui viene "promossa di fatto" la pluriclasse, da una azione di convincimento subdola; viviamo questo momento con grande apprensione.
Rifiutiamo l’idea che la pluriclasse si palesi, sempre più quale conseguenza di più generali responsabilità programmatorie e da una scarsa attenzione delle amministrazioni locali per la scuola, temiamo nel contempo quanto possa prodursi da una inevitabile catena di effetti, indotti e suscitati non soltanto dai meccanismi esclusivamente “ragionieristici” del Decreto Gelmini.
La complessità di una situazione generale, non deve confondere il risparmio di risorse finanziarie, con l’importanza della presenza della scuola, dando corso all’arenarsi definitivo di una programmazione seria, all’efficacia e alla stessa esistenza dei servizi scolastici nel nostro territorio.
Al fine di chiarire ogni percorso o soluzione contraria ad una simile incresciosa situazione, siamo consapevoli che solo una azione informata e qualificata delle istituzioni, lontana dal particolarismo e dagli individualismi, può davvero promuovere una scuola dell’Arci Grighine:

Chiediamo urgentemente un incontro pubblico, quindi per illustrare quanto si sta compiendo, per rassicurare tutte le famiglie e le comunità coinvolte, da un simile e cruciale snodo.
Convinti tutti, che si debba evitare lo smantellamento della presenza della scuola primaria nella nostra comunità e nel territorio.

Chiamiamo ogni istituzione
a rendere concreto il principio di sussidiarietà, con cui si programma e si promuove il vero risparmio dei soldi pubblici.
Interessarsi non ai propri fortini, ma qualificare e difendere la scuola, nel territorio, vuol dire soprattutto promuovere la stabilità delle sedi, della sua azione educativa e qualificativa, fatta tra l’altro di competenze e professionalità locali.
L’aggravarsi della situazione economico finanziaria della Regione e dello Stato, impone l’urgenza di una difesa tempestiva, critica dei bisogni formativi, soprattutto con la individuazione di soluzioni sovra comunali, per far fronte ai tagli economico finanziari, ancor più penalizzanti i territori più deboli.
Tenere desta l’attenzione per l’affermazione di una scuola, individuata quale sede stabile e non semplice avamposto di civiltà, vuol dire negare le pluriclassi. Ribadire il bisogno illustrato da tutte le ricerche pedagogiche su questa età, ovvero affermare l’importanza della gradualità e della contemporaneità dell’apprendimento, dei bambini della stessa età. In questo senso la scuola deve semmai raccogliere nuovi ed ulteriori bisogni e esigenze formative, educative e partecipative, rilanciando ancora di più tutti i suoi momenti, formali ed informali.

Chiediamo venga individuata per questa istituzione, una maggiore attenzione, si definisca il riconoscimento strategico del suo ruolo, quale premessa indispensabile per ogni nuovo sviluppo professionale, culturale e socio economico di queste aree.
Chiediamo a tutti di fare la propria parte, coinvolgendo la Dirigenza Regionale della scuola e l’Assessore Regionale alla Pubblica Istruzione in virtù del patto di residenza esistente tra tutti i cittadini di queste comunità. Un patto che rischia di essere travolto, se affidato alla estemporaneità ed all’improvvisazione. Su di esso non crediamo si possano aprire le guerre dei poveri, tantomeno liberare a passi incipienti la privatizzazione delle funzioni della scuola, assolutamente strategiche nella loro geografia, ma soprattutto decisamente più penalizzante per coloro che sono “meritevole ancorché privo di mezzi”.

Chiediamo a questo scopo:

Al Dirigente dell’Istituto comprensivo Villaurbana- Simaxis, di illustrare la situazione locale e sovra comunale in merito. Facendo riferimento allo stato delle cose, alle soluzioni possibili, alle azioni necessarie da parte di tutti.
Al sindaco ed ai sindaci di qualificare la loro posizione e la posizione delle rispettive comunità coinvolte, riguardo la gestione concordata di questo importante servizio, mediante l’attivazione di azioni consorziate con i centri vicini di Siamanna e Siapiccia.
Agli insegnanti di esplicitare ogni informazione necessaria riguardo l’efficacia della didattica, le sue priorità, ma soprattutto dentro una pluralità dell’offerta formativa, che non può avvenire in sedi organizzative, amministrative, finanziarie, concepite come avamposti.
Ai genitori di esporre le ragioni della loro scelta, per iscrivere i propri figli nella scuola delle comunità del territorio, farli divenire consapevoli del necessario pluralismo delle didattiche, associative, educative, oggi indispensabili, per respingere la perfidia dei meccanismi della Legge Gelmini, che dalla scelta di una sola famiglia, fa ricadere con grave pregiudizio le sue gravissime conseguenze su tutti i bambini delle tre comunità.
Partecipiamo tutti attivamente, all’incontro pubblico del giorno ….. al fine di individuare concretamente una fuoriuscita da questa deriva, per ciò che oggi e per i prossimi anni inevitabilmente trascina con sè, per la società tutta dell’Arci Grighine, la scomparsa della scuola.

I genitori della classe IV (seguono le firme)"

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Commenti?
Punto critico : I fuochi di luglio
Inviato da Francesco Urru il 31/3/2010 8:00:00 (1099 letture)

Da Sebastiano Chighini ricevo e volentieri pubblico quanto segue:
I fuochi di luglio
Abbiamo assistito, nei giorni del 23 e 24 luglio, alle modalità con cui, il fuoco ha manifestato la sua natura e
la sua antica fisionomia. Infida e implacabile, nel suo volto assurdamente attuale; segnato nei mass media e
nell’opinione pubblica, da categorie culturali ormai troppo ancestrali per distogliere, dai nostri occhi la
troppa o estrema facilità con cui ha prodotto una devastante distruzione di compendi, umani e naturali.
Continua

Voto: 5.00 (13 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 69114 bytes | Commenti?
Punto critico : Il sindaco chiarisce (?) la vicenda degli assunzioni a tempo determinato al Comune di Villaurbana
Inviato da Francesco Urru il 14/3/2010 18:04:12 (1323 letture)

Dal sito ufficiale del Comune di Villaurbana ,in data 14 Marzo 2010,alle ore 17,04 leggo e vi riporto quando segue permettendomi di fare ulteriori domande e precisazioni, evidenziate in rosso, sulle mie perplessità su come si è sviluppata la vicenda.
Il sindaco di Villaurbana in data 11 Marzo 2010 ha scritto quanto segue:
Le polemiche sollevate negli ultimi giorni a seguito della selezione per l'avvio del primo Piano Locale Giovani, mi spingono a fornire alcune dovute precisazioni e delucidazioni. Lo faccio, in particolare, a tutela dell'immagine della Commissione giudicatrice e degli uffici che hanno lavorato per la realizzazione dell'intervento.
La Regione ha stanziato delle risorse, integrate con fondi comunali, per l'avvio del Piano Locale Giovani, ovvero azioni volte a sostenere il mondo giovanile in questa fase di crisi economica e occupazionale.
Molti Comuni hanno utilizzato i soldi per la realizzazione dei classici cantieri comunali dell'occupazione, ovvero pulizia strade e piccoli edilizi all'interno del paese.
Noi abbiamo pensato invece di dare una possibilità di occupazione ma soprattutto di formazione lavorativa seria e qualificata all'interno degli uffici comunali ai tanti giovani laureati e diplomati, che risiedono a Villaurbana, con l'individuazione di n° 6 posti di lavoro da coprire con turni da 4 mesi.
Avremmo potuto procedere con la richiesta di invio all'Ufficio di collocamento come avviene per i cantieri occupazionali.
Invece, al fine di dare una concreta possibilità di formazione preceduta anche da una fase di studio sulle materie inerenti il funzionamento degli enti locali, si è deciso di effettuare una selezione con quiz a risposta a domanda multipla, stabilendo che per superare la selezione era necessario dare almeno 21 risposte giuste su 30 domande.
(a onor del vero erano necessarie almeno 23 risposte giuste e le altre sbagliate oppure bisognava rispondere a 21 domande in modo corretto e non dare altre risposte per poter aver poco più di 21 punti su 30)

Voto: 7.00 (10 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 10429 bytes | Commenti?
Punto critico : Ragionieri al posto dei geometri? no grazie!
Inviato da Francesco Urru il 7/3/2010 0:56:58 (1293 letture)


Gira in questi giorni a Villaurbana la voce che, considerati gli esiti delle due selezioni effettuate, come previsto dai bandi di cui abbiamo dato notizia anche in questo sito, per assegnare i posti a tempo determinato all'interno degli uffici comunali , ci sarà una variazione in corso d'opera delle regole dei concorsi e quindi una graduatoria unica formato da quanti hanno concorso per il settore amministrativo, dalla quale verrà attinto tutto il personale necessario anche per l'ufficio tecnico.
Premesso che qualunque variazione alle regole andrebbe per lo meno pubblicizzata alla stessa stregua dei bandi principali
e di questo non vi era traccia nel sito ufficiale fino al 7 marzo, come non vi era traccia alcuna di delibere di giunta o determine aventi per oggetto lo svolgimento o la modifica delle regole dei concorsi.

Voto: 8.00 (7 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 3750 bytes | Commenti?
(1) 2 3 4 ... 10 »
Siti segnalati (link)
Scelta per voi
impressioni villaurbanesi
Realizzazione a cura di Francesco Urru © 2001-2015 Villaurbana.net: Il Portale di Villaurbana

ShinyStat