Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
Menu principale
Orologio e Calendario
Eventi culturali : La Lingua Sarda s'impara meglio da piccoli:lettera dell'amministrazione Comunale di Villaurbana ai genitori
Inviato da Francesco Urru il 20/8/2010 15:53:13 (1597 letture) News dello stesso autore

A totu is Mammas e is Babbus

de is pipius e piciocheddus de 0 a 13 annus

Prot. n. _______________

Biddobrana, 10 de austu de su 2010

Mammas e Babbus Garbosus,

a intru de su programma de initziativas “Bivi s’istadiali 2010”, cun s’agiudu de su Servìtziu linguìsticu comunali (chi aberit ònnia lunis a mangianu in is localis de sa domu comunali, de is 9.00 a is 14.00), eus apariciau po cenàbura 20 de austu, a ora de is ses de merii, una cunferèntzia intitulada “Su profetu de s’educatzioni linguìstica bilìngui cabudàrgia”, a incuru de Antoni Nàtziu Garau. S’atòbiu s’at a fai in sa sala de is cunferèntzias de su Centru sòtziu-culturali “Agostino Garau”.

Una circa sotziulinguìstica presentada in su 2007, fata a manus de pari de sa Regioni Autònoma de Sardìnnia cun is Universidadis de Casteddu e de Tàtari, at ammostau ca sa punna de s’imparu de sa lìngua sarda de mamma/babbu a fillu, in biddas meda de Sardìnnia, est a si firmai e ca su sardu, giai de s’acabbu de is annus Sessanta de su sèculu passau, at incumentzau a no essi prus sa lìngua de sa sotzializatzioni primàrgia comenti fiat in antis. Arregordendi su tìtulu de un’istùdiu de s’istadu de saludi de sa lìngua sarda in sa bidda de Iscanu, fatu de Roberto Bolognesi e Antiogu Cappai-Cadeddu in su 2002, iaus a podi nai ca su sardu est “un condannato a morte che gode di ottima salute”.

Insaras tocat a si pregontai: poita acontessit custu? Poita is fueddadoris sardus megant de firmai s’ùnica manera chi permitit a una lìngua de sighiri a bivi, est a nai s’imparu de una generatzioni a s’atra? Custu sèberu, fortzis, ddu fadeus po sa percetzioni prus manna de s’utilesa de s’italianu cunforma a cussa de su sardu in sa comunicatzioni moderna e fintzas poita ca sigheus a crei ca is fillus nostus, italòfunus, ant a gosai de unu prestìgiu sotziali prus mannu. Fadendi custu arraxonamentu, però, si nd’iscaresceus de tres cosas de fundamentu: 1) su ndi pesai a fillus nostus in sardu non bolit nai a ndi ddus pesai in sardu feti (no iat a torrai a contu!), ma in sardu puru; 2) istùdius iscientìficus ant ammostau ca su cerbeddu de is pipius permitit de imparai e manigiai duas, tres ... totu is lìnguas chi boleus (a tenori de su tempus de ‘espositzioni’ a ònnia lìngua) chentza chi s’una ndi pighit su logu a s’atra; 3) est oramai seguru chi su plurilinguismu, prus che totu si est cabudàrgiu, ispòddiat me in is pipius unu profetu chi est cosa de ispantu poita ca: ddus agiudat a imparai mellus is lìnguas chi intendint e a ddas apoderai seberadas, ddus agiudat a imparai mellus e prus in pressi atras lìnguas istràngias, ddus agiudat a imparai a ligi in antis de is pipius chi connoscint una lìngua feti, ddis afòrtiat is capatzidadis de atentu e de relatzioni, ddis giait un’aina in prus po cumprendi e po bivi su chi acontessit in su mundu, ddis afòrtiat su sentidu de s’identidadi culturali. Non est pagu cosa!

Po cussu, teneus su praxeri de s’invitai a sa cunferèntzia, chi si pregaus de ascurtai in medas, cun s’ispera chi s’educatzioni linguìstica de is pipius e piciocheddus biddobranesus, s’impènniu educativu de Bosatrus Mammas e Babbus e su tempus benidori de sa lìngua sarda, po su chi tocat a sa bidda nosta, ndi potzant tenni profetu mannu e cuncretu.

Cun is saludus prus bellus!

Su Sìndigu S’Assessori de sa Cultura

__________________________ ______________________________

Leggi il testo in Italiano



Gentili Genitori,

nell’ambito del programma di iniziative “Vivere l’estate 2010”, con la collaborazione del Servizio linguistico comunale (operativo ogni lunedì mattina presso i locali del municipio, dalle 9.00 alle 14.00), abbiamo organizzato per venerdì 20 agosto, alle ore 18.00, una conferenza intitolata “I vantaggi dell’educazione linguistica bilingue precoce”, a cura di Antonio Ignazio Garau. L’incontro si terrà presso la sala conferenze del Centro socio-culturale “Agostino Garau”.

Una ricerca sociolinguistica presentata nel 2007, realizzata dalla Regione Autonoma della Sardegna in collaborazione con le Università di Cagliari e di Sassari, ha evidenziato che la trasmissione intergenerazionale della lingua sarda, in molti paesi della Sardegna, tende ad arrestarsi e che il sardo, già dalla fine degli anni Sessanta del secolo scorso, ha iniziato a non essere più la lingua della socializzazione primaria come in precedenza. Richiamando il titolo di uno studio sullo stato di salute della lingua sarda nel paese di Scano Montiferro, effettuato da Roberto Bolognesi e Antioco Cappai-Cadeddu nel 2002, potremmo definire il sardo come “un condannato a morte che gode di ottima salute”.

Occorre dunque chiedersi: perché accade ciò? Perché i parlanti sardi stanno interrompendo l’unica modalità che consente a una lingua di continuare a vivere, cioè la sua trasmissione da una generazione all’altra? Probabilmente questa scelta è motivata dalla maggiore percezione di utilità dell’italiano rispetto al sardo nella moderna comunicazione e anche perché si continua a ritenere che i nostri figli, italofoni, godranno di un prestigio sociale maggiore. Nello sviluppare questo ragionamento, però, ci si scorda di tre aspetti fondamentali: 1) crescere i nostri figli in sardo non significa crescerli solo in sardo (sarebbe controproducente!), ma anche in sardo; 2) ricerche scientifiche hanno dimostrato che il cervello dei bambini consente di apprendere e utilizzare due, tre … tutte le lingue che si vuole (a seconda del tempo di ‘esposizione’ a ogni lingua) senza che l’una sottragga lo spazio all’altra; 3) è ormai certo che il plurilinguismo, soprattutto se è precoce, sviluppa nei bambini dei vantaggi straordinari in quanto: li aiuta ad apprendere meglio le lingue che sentono e a mantenerle distinte, li aiuta ad apprendere meglio e con maggiore rapidità altre lingue straniere, li aiuta ad imparare a leggere prima dei bambini monolingui, rafforza le loro capacità di attenzione e di relazione, fornisce loro uno strumento in più per capire e per vivere ciò che accade nel mondo, rafforza in loro la consapevolezza della propria identità culturale. Non è poco!

Perciò, abbiamo il piacere di invitarvi alla conferenza, che vi preghiamo di seguire numerosi, con l’auspicio che l’educazione linguistica dei bambini e dei ragazzi villaurbanesi, l’impegno educativo di Voi Genitori e il futuro della lingua sarda, per quanto riguarda il nostro paese, possano trarne grande e concreto giovamento.

Con i migliori saluti!

Voto: 7.00 (3 voti) - Vota questa news -


Altre news
6/3/2020 21:40:03 - Radio Team 2000: ogni giorno intorno al mondo con voi
5/12/2019 18:00:00 - Mercatini Natalizi a Villaurbana: Domenica 8 Dicembre 2019
9/7/2019 14:10:00 - Cosa c'è di nuovo a Villaurbana
8/9/2017 12:00:00 - Radio Team 2000 la web radio di Villaurbana!
8/10/2016 19:39:01 - 17 Ottobre alle ore 16,30: incontro informativo su come evitare le possibili truffe agli anziani.

 
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Siti segnalati (link)
Scelta per voi
Amico Volante
Realizzazione a cura di Francesco Urru © 2001-2019 Villaurbana.net: Il Portale di Villaurbana

ShinyStat